FORMAZIONE PERMANENTE

La formazione permanente è un cammino per ravvivare il dono ricevuto nel Rito della consacrazione e viverlo in modo sempre più maturo e consapevole.

Per tale dono “la vergine diventa una persona consacrata, segno sublime dell’amore che la Chiesa porta a Cristo, immagine escatologica della sposa celeste e della vita futura” (Premesse al Rito, 1). “Ricevete l’anello delle mistiche nozze con Cristo e custodite integra la fedeltà al vostro Sposo, perché siate accolte nella gioia del convito eterno” (RCV 40).

Modalità abituale è fare memoria del quotidiano come storia di salvezza e rendere grazie (=fare Eucaristia). “Vivano con lode senza ambire la lode; a Te solo diano gloria nella santità del corpo e nella purezza dello spirito; con amore ti temano, per amore ti servano” (RCV 38).

Il tempo della vergine consacrata è scandito dall’Anno liturgico: dalla Celebrazione Eucaristica e della Liturgia delle ore. “Ricevete il libro della liturgia delle ore. La preghiera della Chiesa risuoni senza interruzione nel vostro cuore e sulle vostre labbra come lode perenne al Padre e viva intercessione per la salvezza del mondo.” (RCV 42/48).

Il luogo dove avviene il cammino della vergine consacrata è la chiesa locale - infatti “Ministro del rito di consacrazione delle vergini è il Vescovo Ordinario del luogo” (Premesse al Rito n. 6) - e il mondo dove essa è chiamata a dare ragione della propria speranza. “…Il Signore le ha chiamate per unirle più intimamente a sé e metterle a servizio della Chiesa e dell’umanità. La loro consacrazione infatti le sospinge a cercare ardentemente, ciascuna secondo il proprio dono, l’espansione del Regno di Dio e il rinnovamento del mondo nello spirito del Vangelo” (RCV 29).

Il fine è l’annuncio del Regno attraverso la testimonianza della vita che si rende visibile nella crescita della dimensione umana, cristiana, ecclesiale e culturale.

Testo fondamentale
- Preghiera di Consacrazione dal Rito di Consacrazione delle Vergini

Suggerimenti bibliografici
- G. MAZZANTI, Le radici della vita spirituale, in La vergine consacrata nella Chiesa Sposa: “vita spirituale e liturgica”, Atti dell’Incontro Nazionale di Palermo, 24-26 agosto 2001, pp. 15-36
- Id., Vivere la liturgia come esperienza sponsale, in La vergine consacrata nella Chiesa Sposa, cit., pp. 37-49
- Id., Dialogo in assemblea, in La vergine consacrata nella Chiesa Sposa, cit., pp. 50-60
- G.P. DI NICOLA e A. DANESE, Consacrazione e maturità umana nel mondo postmoderno, in La vergine consacrata nella Chiesa particolare, Atti dell’Incontro Nazionale di Macerata, 21-25 agosto 2002, pp. 17-37
- D. COLETTI, Formazione nell’Ordo Virginum come cammino di iniziazione cristiana, in Ordo virginum e itinerario di iniziazione cristiana, Atti dell’Incontro Nazionale di Marola (RE), 21-24 agosto 2003, pp. 37-47
- Esortazione apostolica post-sinodale “Vita Consecrata”di Giovanni Paolo II (nn.70-71)
- A. GRÜN-C. SARTORIUS, “A onore del cielo - Come segno per la terra La maturità umana nella vita religiosa”, Ed.Queriniana
- T. ŠPLDLĺK, “L’arte di purificare il cuore”, Ed. Lipa pp. 42e ss.
- P. MOSCHETTI, “Perfezione in controluce I sette ostacoli che rallentano il cammino” Ed. Paoline
- CATECHISMO della CHIESA CATTOLICA Compendio

Scarica il documento 

Questo sito utilizza i cookie per le sue funzionalità tecniche e di profilazione. Chiudendo questo banner e proseguendo con la navigazione acconsenti al loro impiego; in alternativa è possibile personalizzare la loro configurazione.
Per avere ulteriori informazioni, consulta la nostra cookie policy.